………………….l'Arte di dirigere lo Spirito!!!


<< Colgo con molto piacere l’invito fatto dall’amico Enrico di esprimere un parere sullo svolgimento degli ultimi Campionati Nazionali.
Premetto che non intendo fare un elenco di cose fatte o non fatte ma di esprimere una mia visione personale della manifestazione.
Visione "critica" che tende ad individuare gli aspetti che secondo me non sono andati per il verso giusto.
Il Sottoscritto con i suoi allievi partecipa da cinque anni ai campionati Nazionali con discreto successo sia come numero di presenze che come vittorie o podi riportati.
Questa premessa e’ utile affinchè le mie lamentele non vengano scambiate per una sterile recriminazione sui presunti torti subiti dalla mia palestra e dai miei allievi ma , bensì lo scopo e’ quello di cercare di migliorare tutte le manifestazioni A.D.O. U.I.S.P. nella forma e nella sostanza.
Il primo aspetto, quanto meno deludente, e’ stato il saluto iniziale,non mi aspettavo una "cerimonia di apertura giochi", ma almeno un saluto adeguato nella forma. Ho assistito ad un saluto disordinato e frettoloso non all’altezza della manifestazione cosa non avvenuta negli anni precedenti.
Chi ci conosce sa che il sottoscritto non ha mai avuto atteggiamenti poco rispettosi verso gli amici Arbitri e Maestri, i quali si fanno carico con fatica ed impegno nell’organizzare i Campionati Italiani, per aver subito un torto arbitrale, non e’ nella mia etica e nei miei insegnamenti.
La protesta avviene quando ci si trova davanti non a degli errori arbitrali, ma a degli "scempi" veri e propri come e’ successo a Piombino e non solo ai miei allievi .
Se il punto di vista arbitrale e’ cosi distante dal mio ,sicuramente c’e’qualcosa che non va…….. probabilmente non va in me!!!
Se cosi e’ qualcuno dovra’ chiarirmi subito  la distanza tra le diverse interpretazioni sulle tecniche rispetto al punto di vista arbitrale affinche  questo non sia l’ultimo anno a cui noi partecipiamo ai Campionati Italiani.
Ho il dovere in quanto preparatore atletico e Maestro di aver chiaro quello che il Collegio Arbitrale Nazionale richiede ad un atleta per svolgere bene almeno nella forma un Kata’.
Da Piombino non ho piu conferme e pretendo quindi che qualcuno del Collegio Arbitrale Nazionale Mi venga a fare chiarezza………
La mancanza di chiarezza crea scompiglio e scontento.
Intorno a me a Piombino ho sentito troppo "campanilismo di parte", cosi facendo si alzano barriere si creano incomprensioni ed incertezze…..
Penso che il fine   della U.I.S.P. sia esattamente il contrario cioe di aggregare, comprendere e rassicurare le persone in nome della lealta e sportivita’.
           FACCIAMO CHIAREZZA SUBITO !!
Solo cosi potremmo diventare una federazione d’eccellenza che si distingue dalle altre………..>>
 
          M° Valter Faraglia
 
 
 
2°  cat. Speranze    Casinelli Chiara
3°  cat  Amatori A   Dicola  Giovanni
3° cat. Amatori B    Gungui Dario  
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: